Fonte www.scomunicando.it" /> Sito Istituzionale del Comune di Brolo

Scuola e Amministrazione – A Brolo assicurato il servizio di assistenza e rimborsate somme alla dirigenza scolastica per somme anticipate

A Brolo con due atti di giunta, l'amministrazione comunale, ha provveduto ad assicurare il servizio di assistenza agli alunni portatori di handicap per il prossimo anno scolastico e rimborsare le somme – 4.683,41 euro – anticipate dalla dirigenza scolastica per costi d'arredamento, spese varie di ufficio, fornitura materiale di pulizia, utenze elettriche e telefoniche nonchè i costi per il riscaldamento e la provvista d'acqua per i vari plessi delle scuole elementari, materne, e medie.

Ad effettuare la prima proposta di delibera è stata l'assessore Marisa Briguglio. Sono stati reperiti i fondi necessari – 28.537,60 euro – affinchè già dal prossimo 14 Settembre siano disponibili il personale necessario per assicurare il servizio di assistenza igienico-sanitaria e personale agli alunni portatori di handicap frequentanti l'istituto comprensivo di Brolo per l'anno scolastico 2015/2016.

Un impegno di somme che ha dovuto fare i conti con la situazione derivante dal dissesto finanziario dell'ente che è nella fase di predisposizione dell'ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato e pertanto può impegnare somme, per ciascun intervento, non superiori a quelle definitivamente previste nell'ultimo bilancio approvato, quello del 2012.

L'amministrazione brolese ha anche provveduto a – stante la normativa che pone a carico dei comuni la realizzazione, la fornitura e la manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici scolastici e che prevede anche al dover provvedere alle spese varie di ufficio per l'arredamento e per la fornitura del materiale di pulizia, ed anche per le utenze elettriche e telefoniche nonchè per la provvista d'acqua, del gas e per il riscaldamento ed ai relativi impianti - rimborsare, così quanto richiesto dallo stesso istituto comprensivo, poco più di quattromilacinquecento euro.

Somme anticipate ed questo lo scorso anno.

Questo fare, cioè i rimborsi, dovrebbero porre fine all'abitudine da parte degli studenti – e a carico delle loro famiglie – di provvedere a portare in aula rotoloni e carta igienica, o al comitato genitori di dover effettuare manifestazioni per raccogliere fondi al fine di acquistare fotocopie e altro materiale di consumo o peggio al doversi "tassare" per pagare colazioni, aperitivi e spese di ospitalità agli ospiti delle manifestazioni scolastiche, scrittori e\o ex magistrati. Fondi che potrebbero essere usati per ben altro.

Fonte www.scomunicando.it